skip to Main Content
Montascale, sconto in fattura e cessione di credito

Montascale con sconto in fattura o cessione di credito. Cosa cambia nel 2024!

27/03/2024 – Stop definitivo a sconto in fattura e cessioni di credito

Con il Consiglio dei Ministri occorso ieri entra definitivamente in vigore lo stop a sconto in fattura e cessione di credito per tutte le attività che invece fino ad oggi ne avevano ancora beneficiato. Saranno esclusi dallo stop solamente i lavori già stati avviati (per il quali chiaramente sarà richiesta comprovante) e lo stop coinvolge anche gli interventi di abbattimento barriere architettoniche. Alla luce di quanto emerso nel Consiglio dei Ministri, lo stop viene imposto assieme ad altre variazioni quali l’eliminazione della remissione in bonis, vincoli sullo stato di insolvenza rispetto all’erario ed altre varie restrizioni.


Cosa sono lo sconto in fattura e la cessione di credito: di seguito abbiamo riportato una spiegazione formale di queste due tipologie di agevolazione così come erano state previste dalla normativa originaria che le aveva introdotte. È doveroso però spiegare anche che, ad oggi, ci sono problematiche serie che ostacolano di frequente il procede all’acquisto dei crediti, la normativa infatti è stata cambiata più volte ed è ancora tutto in evoluzione. Inoltre per quanto riguarda la nuovissima detrazione del 75% per abbattimento barriere architettoniche le banche, intasate dai continui cambiamenti di normativa in corso, non tutte le banche hanno realizzato la contrattualistica.

Nonostante la premessa di attendere sviluppi della normativa e lo sblocco delle banche, andiamo ora a spiegare le due possibilità così come previste originariamente.

In particolare, le detrazioni che ci interessano per lo sconto in fattura o per la cessione di credito, sono solamente due:

Entrambe le detrazioni sopra menzionate producono un credito di imposta che il cliente può recuperare a rimborso sulla dichiarazione dei redditi o 730, nei 10 anni o nei 5 anni seguenti a seconda della detrazione scelta. Sconto in fattura e cessione di credito sono di fatto due modi per ottenere subito il beneficio della detrazione, senza attendere i 10 anni o i 5 anni.

Cos’è lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura nel caso di installazione di montascale è uno sconto che la ditta installatrice può applicare direttamente al momento della vendita del montascale. Il cliente dovrà pagare solamente la quota non compresa nella detrazione. In pratica in caso di ristrutturazione edilizia il cliente pagherà solamente il 50% del costo totale mentre nel caso di bonus 75% il cliente pagherà solamente il 25% del costo totale. In questo modo non sarà più il cliente a scalare il credito di imposta nei 10 o nei 5 anni previsti, ma a questo punto sarà la ditta installatrice a dover detrarre il credito sempre nei 10 o nei 5 anni previsti.

Chi può richiedere lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura può essere richiesto da chiunque voglia installare un montascale a patto che abbia i requisiti per accedere a una delle due detrazioni fiscali (di ristrutturazione edilizia 50% oppure del bonus 75%). Per richiedere lo sconto in fattura è necessario accordarsi preventivamente con la ditta installatrice ed è possibile che questo gravi con costi aggiuntivi sul costo del montascale. Non è facile trovare aziende che applicano lo sconto in fattura in quanto, pur essendo molto vantaggioso per il cliente, la ditta installatrice che incassa solamente un acconto dovrà per forza, per acquistare materiali e pagare la manodopera, ricorrere ad anticipi e finanziamenti bancari. Ecco il perché dei costi aggiuntivi sul prezzo.

Montascale e sconto in fattura

Come si richiede lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura viene concordato con la ditta installatrice, la quale emetterà al cliente una fattura già scontata.

Quanto costa un montascale con lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura presuppone due diversi passaggi del credito, tra cliente e ditta installatrice il primo passaggio per lo sconto in fattura, e tra ditta installatrice e banca il secondo passaggio per ottenere la liquidità necessaria a pagare le forniture in fabbrica, entrambi necessitano di comunicazione all’Agenzia delle Entrate. Ovviamente tutto questo ha un costo che viene ribaltato sul costo di acquisto del montascale e si aggira intorno al 20% / 25% rispetto al costo totale.

Con lo sconto in fattura il montascale sarà installato subito?

Ci potrà essere qualche ritardo dovuto a due fattori: il primo fattore è che cliente deve produrre alcuni documenti ed una visura catastale dell’immobile ove verrà installato il montascale e quindi necessita di qualche giorno per farne richiesta al catasto; il secondo fattore risiede nelle tempistiche di verifica da parte dell’Agenzia delle Entrate. Dal momento in cui il cliente invia la comunicazione telematica, l’Agenzia delle Entrate ha tempo fino al giorno 10 del mese successivo per riconoscere il passaggio del credito dal cliente alla ditta installatrice. Bisogna anche considerare che la ditta installatrice a sua volta, non potendo vivere di soli crediti, dovrà cedere lei stessa il credito ad una banca… perdendo qualche giorno per istruire la pratica bancaria e per fare a sua volta una seconda comunicazione telematica che richiederà altro tempo.

Posso installare un montascale con sconto in fattura in condominio?

Lo sconto in fattura può essere applicato anche per installazioni di montascale in parti comuni condominiali. In questo caso è obbligatorio essere in possesso di delibera assembleare che autorizza lo svolgimento dei lavori. Ricordiamo inoltre che per lavori che superano i € 10.000 è obbligatorio che il cliente fornisca visto di conformità di un CAF o commercialista autorizzato ed asseverazione prezzo da parte di un tecnico abilitato.

Cos’è la cessione di credito?

La cessione di credito, come suggerisce la parola, è un passaggio in cui il cliente può cedere direttamente il proprio credito, derivante dalla detrazione fiscale scelta, alla banca o alla posta e quindi può ricevere subito l’importo che altrimenti sarebbe spettato in 10 o 5 anni (a seconda della detrazione).

Nel caso di banca o posta il cliente può rivolgersi direttamente all’istituto che offre più vantaggi. Occorre considerare che alcune banche accettano importi solo da una certa soglia in su, oppure che alcune banche sono più veloci di altre nei controlli della documentazione. Ad esempio, per chi avesse un conto alle poste, i tassi sono vantaggiosi, le tempistiche abbastanza brevi e sul loro sito internet mettono a disposizione un simulatore indicativo di calcolo. Inoltre sono anche fornitori di credenziali SPID e pertanto si avrebbe a che fare con un solo interlocutore.

C’è comunque un’ulteriore possibilità e cioè di cedere il credito a terzi, ad esempio anche ad un parente! A cosa potrebbe servire? È la classica situazione di quei clienti che spesso ci dicono di non poter presentare il 730 perché non hanno capienza di imposte. Fino a poco tempo fa questo tipo di cliente non poteva beneficiare delle detrazioni fiscali perché le detrazioni si rimborsano scalandole dalle tasse pagate. In ogni caso il cliente matura un credito che a sua volta può essere ceduto ad esempio ad un figlio o un nipote, purché abbiamo reddito con capienza di imposte.

Montascale e cessione di creditoChi può richiedere la cessione di credito?

Tutti i clienti che installano un montascale possono richiedere direttamente la cessione di credito e quindi ottenere il credito in maniera più veloce e con meno passaggi rispetto allo sconto in fattura. Oltretutto, per quei clienti che risultano incapienti dal punto di vista del reddito, si apre la possibilità di recuperare una detrazione che prima non avrebbero potuto ottenere.

Come si richiede la cessione di credito?

La cessione di credito può essere richiesta a lavoro finito con il montascale già funzionante. Il cliente deve pagare l’intero costo alla ditta installatrice (saldi e acconti o rate), successivamente, presentando fatture e pagamenti alla sua banca, nel giro di breve tempo otterrà il rimborso con un solo e unico passaggio mentre già gode dell’utilizzo del montascale.

Considerando però che l’installazione di un montascale è spesso una necessità urgente e improrogabile. In questo modo il cliente avrà tutto il tempo, una volta installato il montascale di recuperare l’importo che gli spetta ovvero fino a marzo dell’anno successivo rispetto all’anno di installazione del montascale per presentare la pratica.

Quanto costa un montascale con cessione di credito?

Anche la cessione di credito ha un costo bancario ma, trattandosi di un solo passaggio eseguito autonomamente dal cliente, i costi aggiuntivi saranno decisamente ridotti. Indicativamente il costo può aggirarsi tra intorno al 10% o 15% del costo del montascale e dipende esclusivamente dalla banca scelta.

Con la cessione di credito il montascale sarà installato subito?

Nel caso di cessione di credito l’installazione del montascale non subisce nessun ritardo, il montascale viene infatti installato con le normali tempistiche previste per ogni modello di montascale.

Posso installare un montascale con cessione di credito in condominio?

Se il montascale deve essere installato in parti comuni di un condominio, non ci sono problemi ad applicare la cessione di credito. L’importante è essere in possesso della delibera assembleare di autorizzazione ai lavori. Ricordiamo che per spese che superano i € 10.000 sarà necessario ottenere il visto di conformità di un CAF o commercialista autorizzato ed asseverazione prezzo da parte di un tecnico abilitato.

Quali documenti servono per ottenere la cessione di credito per un montascale?

I documenti sono pressoché gli stessi documenti che si forniscono per le detrazioni fiscali, ricordiamo inoltre che occorre visura catastale dell’immobile, che ad oggi si può richiedere facilmente online in poco tempo.

Ma alla fine, cosa conviene? Pro e contro per cessione di credito o sconto in fattura

Con lo sconto in fattura il cliente paga solo una quota alla ditta installatrice ma… attenzione:

  • il montascale viene installato con tempistiche più lunghe dipendenti dai tempi delle banche e dell’Agenzia delle Entrate
  • il costo aggiuntivo a carico del cliente si aggira minimo intorno al 20%

Con la cessione di credito il cliente deve pagare alla ditta installatrice tutto il lavoro ma:

  • il montascale viene installato subito
  • il costo aggiuntivo è più basso e si aggira intorno al 10%
  • il cliente rientra in tempi molto brevi del credito maturato ottenendo così il massimo possibile!

In entrambi i casi vi consigliamo di intraprendere questa strada solamente se non avete urgenza di installare il montascale, in quanto già durante il 2022 abbiamo assistito a non poche sospensioni e blocchi da parte delle banche, cambiamenti repentini riguardo alla parte burocratica richiesta. La stessa Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il tracciato telematico necessario solamente ai primi giorni di febbraio 2022.

Un consiglio finale da parte dell’esperto Montascale2C

Consigliamo come sempre tutti i nostri clienti di leggere bene tutte le nostre informative e poi confrontarle con il parere di un CAF o commercialista di fiducia. Questo perché le leggi, soprattutto quelle nuove, sono ancora in fase di sviluppo ed inoltre occorre valutare bene cliente per cliente la situazione fiscale ed i requisiti personali rispetto alle detrazioni che si vorrebbero ottenere.

Da sempre supportiamo tutti i nostri clienti, non solo nella scelta del montascale migliore, ma anche nel districarsi nella scelta delle varie detrazioni perché prima di procedere all’acquisto bisogna già avere le idee chiare, per non rischiare di perdere le detrazioni.

A questo punto per partire è sufficiente richiedere ai nostri esperti un preventivo su misura e da lì in poi non dovrete più preoccuparvi d’altro!

I nostri esperti sono in costante aggiornamento per garantirvi il miglior servizio, tornate a visitare questa pagina che sarà aggiornata non appena ci saranno novità.

Nota bene: la detrazione del 75% per abbattimento barriere architettoniche qui illustrata è stata riconfermata per tutto l’anno 2024 e resta fruibile in 5 quote annue attraverso la presentazione di modello 730 o similare.

Questa pagina verrà aggiornata non appena ci saranno novità riguardo agli argomenti trattati. Per il momento possiamo solo riportare quanto appreso dai canali ufficiali.

Back To Top
Chiama Ora